Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Cose da Vip

Che fine ha fatto il patron della Guru? Dal lusso della Costa Smeralda al carcere

Nei primi anni 2000 la t-shirt con la margherita stilizzata era un must-have assoluto. L’artefice di quel successo era Matteo Cambi, patron della Guru, che nel 2005 fu consacrato dal premio “Giovane imprenditore della moda”. Dietro al riconoscimento c’erano dei numeri incredibili: tre milioni di magliette vendute solo nel 2003. Il giovane Matteo era l’astro nascente dell’abbigliamento italiano, con guadagni sempre crescenti. Vacanze di lusso in Costa Smeralda, cene, ma anche droga. Una vita che, alla fine, gli è costata troppo e l’ha portato sul lastrico.

Matteo Cambi, dal lusso alla condanna per bancarotta fraudolenta

Nel 2008 Matteo Cambi viene arrestato e condannato a quattro anni per bancarotta fraudolenta, pena che il Tribunale di Bologna ha dichiarato estinta il 4 febbraio 2016. Dopo il momento di difficoltà, l’ex patron di Guru ha deciso di risollevarsi. Prima una partecipazione a “L’Isola dei Famosi” nel 2016, durata un paio di puntate: “Ho abbandonato perché non provavo più stimoli in quel contesto e trovarmi nudo davanti alle telecamere mi imbarazzava non poco”, ha dichiarato in quell’occasione. Poi un libro, “Margherita di spine”, in cui Cambi si è messo a nudo, raccontando gli anni difficili della disintossicazione dalla droga. In un’intervista al “Corriere della Sera” ha detto: “Oggi sono sereno. A luglio 2015 ho chiuso i miei conti con la giustizia e ho potuto riprendere in mano la mia vita. E oggi essere vivo per me è già un miracolo”. 

Un milione di euro in un mese speso a Porto Cervo

Ospite del programma “La Confessione”, di Peter Gomez, Matteo Cambi ha raccontato di essere arrivato a spendere un milione di euro in un mese a Porto Cervo. Come ha fatto? “Affitto di barche, ristoranti, discoteche, i trasporti per gli ospiti”, ha raccontato nel corso della trasmissione. Spese folli che hanno finito per incidere anche sulla azienda, ma lui non ci sta a passare per l’unico colpevole: “Crolla tutto per colpa mia, la mia assenza, ma anche i manager hanno approfittato della situazione”, ha dichiarato in quell’occasione. 

Pulsante per tornare all'inizio