Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Cose da Vip

Lady Diana: il mistero del funerale. I retroscena svelati dal fratello

Il fratello di Lady Diana, Charles, ha svelato al mondo un segreto incredibile riguardo a ciò che è accaduto per i funerali della sorella. Ecco cosa è stato costretto a fare.

I funerali di Lady Diana: dietro c’è una grande bugia

A giorni ci sarà l’anniversario della morte di Lady Diana, che è venuta a mancare il 31 agosto del 1997 all’età di soli 36 anni. A strapparle la vita un brutto incidente in auto, avvenuto mentre la Principessa del Popolo stava attraversando il tunnel de l’Alma in compagnia del nuovo compagno.

Anche se intorno alla morte di Lady Diana continuano ad emergere sempre più particolari, poco è stato detto sull’organizzazione dei solenni funerali a cui prese parte l’intera famiglia reale.

Per anni, infatti, si è parlato addirittura di un complotto da parte dei servizi segreti. Ma la famiglia reale inglese riconobbe in quell’occasione i massimi onori funebri a Diana Spencer, sebbene non facesse più parte della famiglia dopo il divorzio dal principe Carlo.

Cosa c’è dietro il funerale di Lady D.

Dopo molti anni, però, a parlare è il fratello di Lady Diana, Charles Spencer, che in una recente intervista concessa alla BBC, ha svelato un dettaglio inedito sui funerali della sorella.

A quanto racconta il fratello, l’idea che i figli William e Harry, e gli altri membri della famiglia, camminassero a piedi per accompagnare la salma, fu un’imposizione della corte. Il fratello ricorda quella marcia, che è passata alla storia, come un momento tremendo:

Un vero incubo: è stata la mezzora più brutta della mia vita. Il principe Filippo ci ha imposto di guardare dritto. Sentivo solo i nostri passi e i cavalli. Ho ancora gli incubi di notte. 

Charles Spencer, inoltre, giudica una crudeltà quella di aver imposto ai figli di Lady Diana di sfilare dietro al feretro, dato che erano già abbastanza sconvolti:

Mi hanno detto una bugia, dicendo che fossero proprio i due ragazzi a volerlo fare. Nessun bambino dovrebbe essere obbligato a fare una cosa del genere.

LEGGI ANCHE: Gerry Scotti e il “ghiaccio nelle mutande”: il racconto imbarazzante

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Pulsante per tornare all'inizio