Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Chicche di Velvet

Amrita Pritam, chi è la donna a cui Google ha dedicato il doodle [FOTO]

Amrita Pritam: la prima donna letterata in India

Amrita Pritam: chi è la donna che Google oggi celebra nel doodle? In molti se lo saranno certamente chiesto. E noi siamo qui per rispondere alla vostra domanda. Amrita Pritam era una scrittrice e poetessa indiana, ma con cittadinanza pachistana. È ancora oggi considerata la prima donna che ha lasciato il segno nella letteratura punjab. E oggi ricorre il centenario della sua nascita, appunto nel 1919. Nel 1947 Amrita Pritam si è stabilita in India dalla città di Lehore, solo l’era coloniale e la proclamazione di indipendenza. La sua lunghissima carriera è durata circa 60 anni e ha prodotto smisurate opere, di grande impatto culturale e sociale. Ha prodotto oltre 100 libri di poesie, novelle inventate, biografie, saggi e una raccolta di canzoni popolari del Punjabi. Quest’ultima insieme a una autobiografia sono state tradotte in diverse lingue straniere.

Una vita dedicata alla letteratura

Amrita Pritam si è resa celebre soprattutto per il poema Ode to Waris Shah, che non è altro che un’elegia al poeta punjabi del XVIII secolo. Quest’opera non è che una espressione di grande dolore e angoscia, a causa dei massacri messi in atto durante la spartizione dell’India. Per il suo lavoro come romanziera, ricordiamo Pinjar (The Skeleton) del 1950. In esso vi è il personaggio da lei creato, più noto: Puro. Da questo grande capolavoro letterario, hanno anche prodotto un film, che è uscito solo nel 2003, con il titolo di Pinjar.

Amrita Pritam, il più alto riconoscimento indiano

Amrita Pritam, nel 1956, è diventata la prima donna a vincere il Sahitya Akademi Award per la sua lunga poesia Sunehade (Messaggi). Tra gli altri premi troviamo anche il Bharatiya Jnanpith nel 1982. Ma, la sua più grande vittoria fu vincere il più alto riconoscimento letterario indiano, nel 2004: il Sahitya Akademi Fellowship, assegnatole direttamente dall’Accademia delle lettere dell’India. Dopo aver raggiunto il gradino più alto della sua carriera, è morta nel 2005 a Nuova Delhi.

 

Pulsante per tornare all'inizio