Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Cose da VipPrimo Piano

Vittoria Belvedere a Vieni da me: “Mi disse andiamo a prendere i copioni e mi saltò addosso”

Vittoria Belvedere è ospite da Caterina Balivo a Vieni da me, la bellissima attrice racconta della sua famiglia, dei figli, della casa e delle origini meridionali.  

Rispondendo alle domande al buio di Vieni da me, Vittoria Belvedere ha parlato delle sue origini meridionali che da sempre l’hanno fatta sentire trattata diversamente nella sua carriera. La Balivo le ha chiesto cosa pensi della situazione attuale, se pensa che siano cambiate le cose e l’attrice ha risposto: “Oggi c’è ancora qualche persona ignorante“.

Hai mai ricevuto una proposta indecente?

Alla domanda “Hai mai ricevuto una proposta indecente? l’attrice ha raccontato la sua esperienza “Un produttore mi disse: di qualsiasi cosa tu abbia bisogno chiedi a me“, ma lei non ha mai ceduto. 

Ricorda di quando le dissero: “Se vuoi fare carriera ti devi scafare”, non lo ha più richiamato. “A quei tempi si usava andare a cena con i produttori e parlare dei film”, durante una serata un produttore le chiese di andare insieme a prendere il copione, cose da potersi preparare prima del provino, ma non appena furono soli, le saltò addosso. Lei, spaventata, rifiutò le avance e lui si scusò abbozzando una scusa e dicendole che era inciampato.

Il giorno dopo la Belvedere non si presentò al provino. Ha lavorato con quest’uomo anni dopo, ma tenendosi a distanza e fingendo non fosse successo nulla.

La casa che ha fatto impazzire gli italiani

Vittoria non prende molto bene i commenti della Balivo sulla sua casa: “E’ un po’ fredda, impersonale, ma solo perché ci siamo entrati da poco”. La Balivo attacca il gusto dell’attrice, in particolare nei confronti di un particolare lampadario che paragona al piatto di una batteria tutto piegato. Ma l’attrice si arrabbia e le risponde: “La lampada è di design! Ho faticato per averla e tu me l’hai bruciata in tre secondi”. 

 

 

Pulsante per tornare all'inizio