Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Chicche di Velvet

Avete mai visto la moglie di Roberto Benigni? Sua musa ispiratrice

Il suo nome è Nicoletta Braschi ed è la (famosissima) moglie di Roberto Benigni. I due sono convolati a nozze il 26 dicembre 1991, in un matrimonio celebrato in gran segreto e lontano dai riflettori. Il loro amore non ha dato alla luce alcun figlio, ma tanti sono i lavori che hanno svolto insieme – indimenticabile è La vita è bella (1997), che è valso al toscano anche un Premio Oscar. Sì, perché la Braschi, nata a Cesena il 19 aprile 1960, è una famosissima attrice. Ha lavorato non solo con il marito, ma anche con registi del calibro di Giuseppe e Bernardo Bertolucci, di Marco Ferreri, di Paolo Virzì. Ha vinto un David di Donatello come miglior attrice non protagonista e un Premio Flaiano.

La musa ispiratrice dell’attore

Nicoletta Braschi non è quindi solo la moglie di Roberto Benigni, ma anche la sua musa ispiratrice. «Mi ha dato verità. Mentre volavo, mi ha riportato con i piedi per terra, e io non riesco a immaginare un altro volto, un’altra presenza, un altro respiro che non sia lei. Per me è una benedizione. Lo è stata davvero», aveva dichiarato l’attore in un’intervista rilasciata a Vanity Fair. I due, oltre a La vita è bella, hanno lavorato assieme in Tu mi turbi (1983), Daunbailò (1986), Il piccolo diavolo (1988), Johnny Stecchino (1991), Il mostro (1994), Pinocchio (2002) e La tigre e la neve (2005).

Il racconto di Nicoletta Braschi, moglie di Roberto Benigni

Nicoletta Braschi, moglie di Roberto Benigni, aveva anche raccontato alcuni aneddoti sul loro primo incontro. «Ci presentarono degli amici comuni e iniziò un lavorio ininterrotto, un’intesa sfociata nel lavoro», aveva dichiarato in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera. «Era per me un grande maestro. Da allora ci siamo nutriti delle stesse cose. Veniva a prendermi all’Accademia e andavamo sempre al cinema, tutti i giorni. Ci passavamo i libri. Leggemmo tutti quelli che Borges sceglieva per la collana FMR».

Pulsante per tornare all'inizio