Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Chicche di Velvet

Marito chiede il divorzio: lei gli fa una maledizione e lo manda in ospedale, agghiacciante

Un matrimonio tormentato fino all’ultimo momento. Una donna trevigiana non riusciva a darsi pace per la decisione del marito di lasciarla e così si è presa la sua vendetta e lo ha mandato all’ospedale! 

Magia nera e riti voodoo

Amuleti, candele e immagini di divinità ovunque, una scena insolita e terrificante che ha fatto accapponare la pelle ad un uomo di Treviso. La moglie, con la quale era in atto la separazione, gli ha fatto trovare un altarino con in cima una bambolina trafitta di spilli e sul volto era appoggiata una sua fotografia. Un vero e proprio maleficio a regola d’arte, secondo la prassi dei riti voodoo.

La vendetta

La storia riguarda due professionisti benestanti che per anni hanno vissuto uno a un capo del mondo rispetto all’altro. Nell’ultimo periodo della loro relazione hanno convissuto in Cina e probabilmente questa condizione li ha portati a scontrarsi troppo spesso. L’amore è finito e così il marito ha deciso di lasciare la donna. Com’è risaputo, i divorzi non sono mai sereni, soprattutto quando si parla di proprietà e alimenti. L’uomo si è rivolto al giudice per chiedere che la donna lasciasse la casa coniugale di Treviso e lei lo ha querelato sostenendo che lui non versasse gli alimenti stabiliti dalla separazione. Sembrava avessero trovato un accordo ma la magia nera ha fatto capolino nel loro matrimonio. Mentre imballava i suoi effetti personali per andare via, la donna ha deciso di accoglie in casa l’ormai ex marito.

La scoperta, il malore

Così il 45enne gironzolando nell’abitazione di Treviso, ha scoperto l’altarino sul quale, tra amuleti candele e strane divinità, c’era anche la bambola voodoo. La visione spettrale lo ha molto turbato, ma ha pensato fossero sciocchezze da creduloni. Con il passar del tempo, però, si è reso conto che gli spilli trafitti sul corpo del feticcio, combaciavano perfettamente con alcuni disturbi e acciacchi apparsi in quei mesi.

Spaventato, ha deciso di rivolgersi al suo avvocato e denunciare la ex. Nella querela l’uomo l’accusa di calunnia e di mancato rispetto dell’ordine del giudice, oltre che di minaccia alla vita. Non è chiaro se il reato sia ritenuto valido in quanto è impossibile provare un legame tra i dolori dell’uomo e la bambola del “malocchio”.

Pulsante per tornare all'inizio