Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Chicche di Velvet

Trattiene lo starnuto e deve correre in ospedale: i medici trovano un buco enorme nella…

Lo facciamo continuamente: trattenere uno starnuto quando siamo in pubblico, quando ci troviamo in luoghi affollati, quando stiamo parlando con qualcuno. A volte è semplicemente un segno d’educazione e di pudore. Eppure la cosa può avere conseguenze gravi sulla salute, come è successo a quest’uomo di 34 anni. 

Trattiene uno starnuto e gli si frattura la gola: succede all’uomo protagonista di questa vicenda, come riportato dal British Medical Journal. Un episodio incredibile e inquietante, soprattutto perché potrebbe riguardare ognuno di noi. La pratica di trattenere uno starnuto è infatti piuttosto comune, e se finora abbiamo pensato che fosse anche innocua, con questa storia dovremo ricrederci. Spesso starnutire liberamente potrebbe sembrare poco educato, eppure è necessario proprio per salvaguardare la nostra salute.

Lo sa bene quest’uomo di 34 anni, che si è semplicemente tappato naso e bocca come facciamo tutti. Lui però ha sentito qualcosa ‘scoppiare’ nel proprio collo. Inizialmente l’uomo ha fatto finta di niente, ma poco dopo i sintomi hanno iniziato a spaventarlo. Gola e collo si sono gonfiati a vista d’occhio, alterando perfino la sua voce. Il 34enne si è precipitato in ospedale, scatenando lo stupore dei medici. La lesione dell’uomo era grave, delicatissima e rara. Anche solo toccandogli il collo, i medici poteva sentire gli scoppiettii e i crepitii causati dalla presenza di bolle d’aria nei tessuti molli. La diagnosi è stata chiara: si era verificato un enfisema e un piccolo buco davanti alla trachea.

Un epilogo terrificante

Insomma, per trattenere lo starnuto l’uomo aveva causato una lesione nella zona della gola. Fortunatamente la perforazione era ancora abbastanza piccola (il 34 enne è stato bravo ad andare subito in ospedale) e i medici hanno potuto contenere il danno. L’ospedale ha tenuto ricoverato l’uomo per due settimane, alimentandolo solo attraverso un sondino. In questo modo la lesione ha potuto risanarsi e i tessuti si sono rigenerati senza bisogno di un intervento.

Questo tipo di lesione, per quanto rara, è certamente possibile. Starnutire implica un significativo aumento di pressione nei polmoni – basti pensare che le goccioline di muco possono raggiungere la velocità di oltre 160 km/h – e queste devono per forza uscire da qualche parte. Soffocare lo starnuto implica che l’aria pressurizzata dovrà trovare una via d’uscita alternativa: il sopracitato paziente è stato particolarmente sfortunato ma possono verificarsi anche problemi ai seni nasali, la rottura di capillari negli occhi, lesioni all’orecchio medio e interno, la rottura del timpano o vari tipi di infezioni.

Pulsante per tornare all'inizio