Jannah Theme License is not validated, Go to the theme options page to validate the license, You need a single license for each domain name.
Detto da loro

Gemma Galgani disperata: “Senza lavoro e senza cassa integrazione…”

Da oltre 10 anni alla ricerca dell’amore, Gemma Galgani è una presenza fissa del Trono Over di Uomini e Donne. Era il 2010 e da allora la dama è sempre stata la protagonista del dating show. Lei, e i suoi continui litigi con Tina Cipollari. Non tutti sanno, però, che la donna, prima di arrivare in trasmissione lavorava presso il Teatro Colosseo di Torino. A causa dell’emergenza sanitaria, però, la Galgani si è ritrovata senza lavoro. Ecco le sue dichiarazioni.

Gemma Galgani disperata: “Lavoravo ma poi…”

È un duro sfogo quello rilasciato da Gemma Galgani al settimanale Nuovo. La storica dama del Trono Over ha infatti raccontato le conseguenze che il Coronavirus ha avuto sulla sua vita. Una tra tutte: la perdita del lavoro. Gemma era la direttrice di sala al Teatro Colosseo di Torino. Un lavoro di cui era molto fiera ma, purtroppo la pandemia ha sconvolto la sua vita.

Con gli spettacoli ancora fermi, è rimasta senza lavoro e senza cassa integrazione. Questa situazione ha portato la donna a prendere alcune decisioni fondamentali: ha lasciato Torino per trasferirsi a Roma. Vivere nella Capitale le permette di spostarsi più facilmente per raggiungere gli studi di Uomini e Donne. Con l’unione tra il Trono Classico e Trono Over la torinese è praticamente in tv cinque giorni su sette. Intervistata da Nuovo, Gemma ha spiegato:

Per il momento la programmazione del Teatro Colosseo di Torino, dove lavoro, è stata rinviata di mesi per via della pandemia. E non sappiamo quali saranno le normative per la ripresa. Io ho terminato di lavorare a marzo e sono a casa, senza neppure la cassa integrazione. Ma, al di là di questo, la cosa che più mi fa soffrire è lo stop forzato del teatro: è brutto vedere fermo un mondo cui ho dedicato tutta la mia vita, ha raccontato ai microfoni della rivista diretta da Riccardo Signoretti.

Pulsante per tornare all'inizio