Chicche di Velvet

La storia di Kenzo: chi era il celebre stilista giapponese che incantò Parigi

Con uno stile ben marcato e un amore innato per la natura, Kenzo ha smosso le acque della moda anni '70

Ha fondato un’azienda a Parigi, ma la sua arte arriva dal Giappone. Kenzo Takada è stato uno dei più celebri stilisti giapponesi, che il mondo ha salutato nel 2020. Quinto di sette fratelli, quello che oggi è conosciuto come un celebre stilista è partito dal nulla. Ha da sempre manifestato una forte passione per il mondo della moda ed è per questo che, abbandonata l’università, ha deciso di iscriversi ad una scuola di moda in quel di Tokyo. Una volta ottenuto il diploma, Kenzo ha preparato la valigia, detto au revoir a Tokyo e si è trasferito a Parigi.

La capitale francese lo ha accolto immediatamente. Qui, infatti, Kenzo ha potuto mettere radici e avviare la propria carriera. Inizialmente, ha presentato la sua prima collezione al Vivienne Gallery e, incassando un successo dopo l’altro, ha aperto la primissima boutique, che chiamò Jungle Jap.

La storia di Kenzo: i primi passi nel mondo della moda e il successo

Siamo nel cuore degli anni ’70, la modella di Kenzo finisce sulla copertina di Elle e le sue collezioni iniziano a fare il giro del mondo, da New York a Tokyo. Il suo stile è facilmente riconoscibile, proprio perché è stato uno dei primi stilisti a giocare con le stampe floreali, molto presenti nelle sue collezioni di pari passo a colori vivaci e indimenticabili. Per Kenzo, la moda era come il cibo: “Non dobbiamo soffermarci sullo stesso menù”, ripeteva spesso. Le sfilate di moda dello stilista giapponese diventano veri e propri spettacoli. Nel 1978, ha segnato un altro step importante della sua carriera organizzando una sfilata circense, all’interno di un tendone da circo. Al termine, Kenzo entrò trionfale sul dorso di un elefante.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da KENZO (@kenzo)


Ha fondato l’omonima azienda che ad oggi è proprietà di LVMH, ma ha anche lavorato moltissimo con cinema e teatro, realizzando costumi di scena. E non solo: il designer ha anche lanciato la sua linea di profumi (la fragranza più famosa ad oggi è Flower by Kenzo nata nel 2000) e una linea di complementi d’arredo. Questo, in particolare, avvenne dopo che lo stilista annunciò il suo ritiro dal mondo della moda. Decise di lasciare la sua azienda nel 1999, riversando successi e responsabilità sulle spalle della sua assistente. Nel 2018, People With Money lo ha inserito nella lista dei 10 stilisti più pagati al mondo. Si è spento a 81 anni, nell’ottobre 2020, in ospedale dov’era stato ricoverato per via del Covid-19.

LEGGI ANCHE: La storia del foulard Flora di Gucci dedicato a Grace Kelly

Cristina Migliaccio

Moda, Lifestyle & Glamour

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista.
Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell'intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.