Indiscrezioni & SocialPrimo Piano

Adele, sparisce una funzione di Spotify: “La nostra arte racconta una storia”

La star britannica ha sottolineato l'importanza di seguire le tracce musicali in base al racconto narrativo scelto dall'artista. Arriva la risposta dell'app

Adele ha chiesto alla popolare app Spotify di rimuovere l’impostazione automatica che prevede la riproduzione casuale dei brani degli album. Come sapranno i fruitori del servizio svedese, nato il 23 aprile del 2006, in automatico vi è la riproduzione di un disco mediante shuffle, cioè il processo di continuità in modalità casuale. La cantante britannica ha utilizzato il suo profilo Twitter per spiegare i motivi per il quale l’applicazione dovrebbe eliminare tale impostazione perché, secondo Adele, la produzione casuale avrebbe compromesso l’esperienza degli utenti e danneggiato anche gli artisti.

Nello specifico, l’ordine delle tracce sull’album, sarebbe stato creato seguendo una continuità narrativa dal cantante stesso. Considerando l’ultimo disco di Adele, 30, la stessa artista avrebbe disposto le sue canzoni per narrare un percorso di vita, il suo. “Non realizziamo album con così tanta cura e attenzione nell’ordine delle tracce seguendo un motivo. La nostra arte racconta una storia e le nostre storie dovrebbero essere ascoltate così come le abbiamo pensate”, scrive la star britannica sul suo profilo social. Conclude il post con un ringraziamento rivolto ai tecnici dell’applicazione: Grazie Spotify per aver ascoltato“.

Spotify accoglie la richiesta di Adele

Stop alla riproduzione causale? Diversi utenti si sarebbero detti felici di questa scelta. Il servizio musicale avrebbe accolto la richiesta della cantante. Quindi, per quanto riguarda l’album 30, non dovrebbe esserci più il pulsante per la riproduzione casuale. E per coloro che vorranno invece ascoltare le canzoni dell’album di Adele senza ordini preimpostati, dovrà aprire la schermata “ora in produzione” e lì, sarà possibile trovare il pulsante “riproduzione casuale”.

LEGGI ANCHE:  Lino Guanciale svela il nome scelto per il figlio: ecco come si chiama

Teresa Comberiati

Spettacolo, Tv & Cronaca Rosa

Calabrese, a vent’anni si trasferisce a Roma dove attualmente vive. Amante della fotografia quanto della scrittura, negli anni ha lavorato nel campo della comunicazione collaborando con diverse testate locali in qualità di fotografa e articolista durante la 71ª e 75ª Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica. Ha già scritto il suo primo romanzo intitolato Il muscolo dell’anima. Colonna portante del blog di VelvetMAG dedicato alla cronaca rosa e alle celebrities www.velvetgossip.it, di cui redige ogni mese la Rassegna Gossip.