Primo PianoSpettacolo

Addio a Toni Santagata: il cantautore e conduttore tv aveva 85 anni

Si è spento improvvisamente a Roma l'artista, popolarissimo negli anni '70 e '80

Lutto nel mondo della musica e nello spettacolo italiani. Si è spento infatti Toni Santagata, celebre cantautore e conduttore televisivo. L’artista, che ha raggiunto il culmine della popolarità a cavallo tra gli Anni Settanta e Ottanta, è venuto a mancare improvvisamente nella città di Roma all’età di 85 anni. Nato a Sant’Agata di Puglia il 9 dicembre 1935, il cantautore si è dunque spento pochi giorni prima del suo 86esimo compleanno. Al timone di programmi storici del piccolo schermo, da A come Agricoltura fino a Canzonissima, ha lasciato un vuoto incolmabile nel mondo dello spettacolo nostrano.

Toni Santagata è morto all’età di 85 anni: addio all’artista italiano

Accreditato anche come Tony Santagata, al secolo Antonio Morese, ha frequentato la Facoltà di Giurisprudenza a Napoli, prima di trasferirsi a Roma. Proprio nella Capitale comincia a muovere i primi passi nel mondo dello spettacolo, divenendo in breve uno dei volti più illustri e caratteristici della dolce vita romana. È salito alla ribalta soprattutto per le sue canzoni, scritte principalmente in dialetto, tra cui non possono non essere menzionate Quant’è bello lu primm’ammore, La zita e Li strascenete.

Oltre che per le sue esperienze sul piccolo schermo – e nella musica – Toni Santagata è anche noto per aver fondato la Nazionale Artisti, per la quale fu capocannoniere. In effetti, il suo sodalizio con il mondo del calcio lo portò alla composizione di Squadra grande, squadra mia. Quest’ultima è divenuta inoltre la canzone-simbolo per la Nazionale Italiana ai Mondiali del 1982. L’artista vantava, inoltre, la scrittura di ben 6 opere musicali moderne. La più celebre fra tutto è senza dubbio Padre Pio Santo della Speranza, eseguita in Vaticano nell’Aula Paolo VI in occasione della canonizzazione del Santo. Fra le voci nel curriculum di Santagata spunta, in aggiunta, la partecipazione al Festival di Sanremo 1994, come componente della Squadra Italiana. Durante quell’edizione, portò sul palco dell’Ariston Una vecchia canzone italiana.

LEGGI ANCHE: Maria De Filippi: raccontare la sua storia è un po’ raccontare la storia della tv (commerciale e di successo)

Lorenzo Cosimi

  • Cinema e tv

    Romano, dopo la laurea triennale in Dams presso l’Università degli Studi Roma Tre, si è poi specializzato in Media, comunicazione digitale e giornalismo alla Sapienza. Ha conseguito il titolo con lode, grazie a una tesi in Teorie del cinema e dell’audiovisivo sulle diverse modalità rappresentative di serial killer realmente esistiti. Appassionato di cinema, con una predilezione per l’horror nelle sue molteplici sfaccettature, è alla ricerca costante di film e serie tv da aggiungere all’interminabile lista dei “must”. Si dedica alla produzione seriale televisiva con incursioni sui social.