Detto da loroPrimo Piano

Pam&Tommy: Lily James definisce la trasformazione in Pamela Anderson “liberatoria”

L'attrice di "Cenerentola" ha raccontato di aver provato a contattare la Anderson, ma non ha mai ricevuto risposta

In attesa dell’uscita di Pam&Tommy, la nuova serie TV in arrivo a febbraio su Hulu negli Stati Uniti, Lily James ha raccontato in una recente intervista il processo di trasformazione in Pamela Anderson. L’attrice, che ha accumulato interpretazioni importanti nel corso degli anni da Downton Abbey al live action di Cenerentola, ha definito la sua trasformazione nella Anderson come “liberatoria“. Non è stato un lavoro semplice, ma l’attrice è fiera di come è stato svolto. “Non ho mai lavorato così duramente. Ho letto i libri che la Anderson ha scritto, ho letto le sue poesie, posso ripetere come un pappagallo tutte le sue interviste“.

Lily James parla della trasformazione in Pamela Anderson per Pam&Tommy

Pam&Tommy è una miniserie in arrivo su Hulu che racconta la storia vera dello scandalo che ha travolto Pamela Anderson e Tommy Lee. La coppia si è sposata dopo pochi giorni dal loro primo incontro ed è stata travolta dallo scandalo di un video a luci rosse trapelato in rete. In merito alla sua performance, Lily James ha raccontato di aver trascorso tantissimo tempo a documentarsi sul personaggio e di aver persino tentato di contattare la diretta interessata.

Lily James

Tuttavia, come spiega l’attrice, Pamela Anderson non ha mai risposto. “Speravo che fosse coinvolta. Vorrei che fosse stato diverso. Ero fiduciosa che saremmo rimaste in contatto fino all’inizio delle riprese, la mia unica intenzione era occuparmi della storia e interpretare Pamela in modo autentico“. Mentre Pamela Anderson ha preferito non essere coinvolta, una fonte ha raccontato a Entertainment Weekly che Sebastian Stan invece è riuscito ad incontrare Tommy Lee prima delle riprese.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lily James (@lilyjamesofficial)


Una trasformazione importante, quella di Lily James, anche a livello fisico ed estetico. “Lentamente, la nostra incredibile squadra ha trovato un equilibrio in cui somigliavo a Pamela ma sentivo anche di poter recitare attraverso di essa”. Come riporta People, il processo di make-up è durato circa quattro ore al giorno, a partire dalle 3 del mattino.

Un cambiamento forte, che le ha dato una marcia in più. “Non ho mai fatto nulla in cui sembro molto diversa da me stessa prima. E mi piacerebbe davvero continuare in questo modo, perché ho sentito che c’era qualcosa di molto liberatorio. Ho avuto un coraggio che è venuto da quello. Un coraggio che è venuto dallo scomparire”. Anzi, al momento di rimuovere tutto quel trucco e parrucco, l’attrice ha spiegato di aver avuto persino difficoltà a lasciar andare il personaggio. “Era come essere privato di tutti quei superpoteri. Mi è davvero piaciuta la fisicità e la sensualità, c’era così tanto carattere a cui aggrapparsi, è stato davvero elettrizzante”. 

LEGGI ANCHE: Zendaya riflette sull’interpretazione di Rue in Euphoria 2: “Non è stato facile”

Cristina Migliaccio

Moda, Lifestyle & Glamour

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista.
Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell'intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.