Primo PianoShowSpettacolo

Pechino Express, presentazione della nona edizione: tutte le curiosità

Il travel adventure debutterà il prossimo 10 marzo su SkyUno in prima serata: ecco è emerso nella conferenza stampa di presentazione

Al via la nuova edizione di Pechino Express, che debutterà giovedì 10 marzo in prima serata su SkyUno. Si è tenuta oggi a Milano la conferenza stampa di presentazione, che abbiamo seguito anche noi di VelvetGossip: ecco cosa è emerso.

In occasione della conferenza stampa inaugurale della nona edizione di Pechino Express hanno preso parte, oltre a Costantino della Gherardesca e Antonella D’Errico, le coppie protagoniste: Alex Schwazer e Bruno Fabbi, gli Atleti; Ciro e Giovambattista Ferrara, Padre e figlioRita Rusic Cristiano Di Luzio, i Fidanzati; Barbascura X e Andrea Boscherini, gli Scienziati; Victoria CabelloParide Vitale, i Pazzeschi; Fru e Aurora Leone, gli Sciacalli; Anna Ciati e Giulia Paglianti, le TiktokerBugo e Cristian Dondi, gli Indipendenti; Nikita Pelizon e Helena Prestes, le Italia-BrasileNatasha Stefanenko e Sasha Sabbioni, Mamma e figlia.

Pechino Express, la presentazione della nona edizione del game show

Dopo la proiezione in anteprima della prima puntata, hanno fatto il loro ingresso presso l’Ex Scalo di Porta Genova a Milano, Costantino della Gherardesca, Antonella D’Errico (Executive Vice President Programming di Sky Italia) e Fabrizio Ievolella (Ceo Banijay Italia). Ancora una volta, della Gherardesca sarà al timone del noto game show, al suo debutto su Sky. In questa edizione di Pechino Express, intitolata La rotta dei Sultani, il conduttore guiderà i concorrenti (e i telespettatori) in un viaggio alla scoperta dei paesaggi più suggestivi del Medio Oriente, attraversando quattro paesi: Turchia, Uzbekistan, Giordania ed Emirati Arabi.

A prendere la parola per prima, riguardo la nuova stagione di Pechino Express, è stata Antonella D’Errico. L’Executive Vice President ha dichiarato: “Mi sembra bellissimo questo viaggio nel viaggio. Sono due anni che con Banijay abbiamo intrapreso questa intenzione. Pechino è un programma molto amato da me, perché innanzitutto è un programma di avventura vero. Tutto quello che succede te lo conquisti attraverso la seconda qualità di questo format, che è l’umanità. […] È meraviglioso in un momento come questo. Abbiamo deciso di portare Pechino quando la pandemia non c’era: oggi assume un valore più importante, eccezionale.” – riguardo invece al figura del conduttore, Antonella D’Errico si è mostrata entusiasta, ammettendo – “Costantino (della Gherardesca, ndr) ha delle qualità importanti, che sono coerenti con il DNA di Sky.

Fabrizio Ievolella ha aggiunto alle parole della D’Errico: “Ci sentiamo come di aver reso possibile qualcosa che possibile non era.” – entrando nello specifico – “Abbiamo immaginato una rotta che va a toccare Paesi mai toccati. La rotta dei sultani l’abbiamo aperta noi. Abbiamo cercato posti inusuali. Nessuna esperienza è prevedibile. Tutto è lasciato all’umanità delle persone che si incontrano durante il viaggio.” Ha rivelato, confermando di fatto le parole di Antonella D’Errico: Sky ha lavorato per circa due anni per portare a compimento questo percorso, accaparrandosi dunque Pechino Express, dopo anni di messa in onda su Rai2.

Pechino Express 9

Le parole di Costantino della Gherardesca: “Per conoscere l’Italia bisogna conoscere le nazioni”

Se c’è una costante in Pechino Express quella è sicuramente Costantino della Gherardesca. Dopo un’edizione come concorrente e sette in veste di conduttore – presto otto – nessuno riuscirebbe ad immaginare un altro volto al timone del travel adventure che non sia il suo. Passi il cambio da Rai2 a SkyUno, ma Costantino rimane saldamente al suo posto, anche se, come rivelato durante la conferenza, in questa nona edizione tornerà a cimentarsi in una puntata come concorrente. Durante l’incontro che ha avuto luogo poco fa, il conduttore ha dunque preso la parola, affermando: “Pechino dà la possibilità di viaggiare nel modo vero. Loro scoprono quali sono le usanze e le realtà culturali, si cambia il modo di pensare e di decodificare quello che abbiamo intorno. Per conoscere l’Italia bisogna conoscere le altre nazioni perché siamo un’economia globale.”

D’Errico è tornata dunque a tessere le lodi di della Gherardesca, con cui, come ha ricordato, la collaborazione è iniziata sin da Quattro matrimoni. “Amo Costantino anche come viaggiatore, abbiamo questa passione in comune. È un uomo colto e spiritoso. Ha questa capacità di viaggiare su più livelli. Toglie il volgare da qualsiasi cosa con una cifra assai ironica.” – ha ammesso Antonella D’Errico. Ievolella ha rincarato la dose, dando una piccola anticipazione: “In grandissima forma, è un grandissimo corridore. Abbiamo deciso di fargli fare il concorrente per una puntata. L’abbiamo fatto correre assieme ad un ex partecipante di Pechino.

La parola ai concorrenti: il ritorno di Victoria Cabello dopo la malattia

A parlare poi della nona edizione di Pechino Express sono intervenuti i concorrenti, di cui vedremo a breve le avventure su Sky Uno. Prima a rompere il ghiaccio è stata Victoria Cabello, che ha fatto ritorno sul piccolo schermo dopo un periodo trascorso lontana per alcune vicende combattute: “È stata una terapia d’urto.” – ha ammesso la celebre conduttrice, proseguendo – “È un’esperienza che ti spinge al limite. Ho avuto una malattia. Rimettersi in un gioco che amo da fan, che non ho potuto fare perché avevo altri impegni o una malattia: sono contento di averla fatta. Mi sento benissimo. paride è stato un grande compagno di viaggio.

A chi le ha domandato, ora che ha fatto ritorno in qualità di concorrente del travel adventure, se abbia in cantiere qualcosa, la Cabello ha risposto: “Fino a Pechino ero tentata di studiare medicina. Non c’erano progetti interessanti. Quando mi hanno proposto Pechino per la centesima volta ho deciso di accettare. Facendo Pechino mi è tornata la voglia di  fare televisione. C’è un team straordinario dietro: ho partecipato felice.” Anche Rita Rusic ha ammesso che più volte le sia stato proposto e di aver finalmente accettato in questa edizione: “Quest’anno ho detto sì. Mi sono detta: «Se non ne approfitto di Cristiano (il fidanzato) che mi porta lo zaino, è perfetto!»” Proprio quest’ultima la produttrice cinematografica ha voluto ringraziare, ammettendo che sia stata un’esperienza durissima.

Pechino Express 9
Photo Credits: Jule Hering

La minaccia del Covid

Dal canto loro, invece, le Tiktoker hanno espresso la volontà di lavorare in tv, vista dal mondo del web come “un’aspirazione.” Alex Schwarzer anche ha trovato l’esperienza dura: “Non è paragonabile a una gara. La cosa diversa dall’agonismo è che i tempi sono più lunghi. Qui parti la mattina ma non sai quando arrivi.” È emerso inoltre che, in occasione della competizione, ci sia stato un caso di positività in una delle case ospitanti e, a tal proposito, Ievolella ha spiegato come è stato arginato il problema, molto sinteticamente: “La casa doveva essere cambiata.”

Tra rischi di spoiler, di cui Alex Schwarzer e le Italia-Brasile si sono “macchiati” più di tutti, la conferenza su Pechino Express è inoltre terminata con una domanda a Natasha Stefanenko sulla situazione Ucraina-Russia e sul fatto se provasse o meno “imbarazzo” per la messa in onda del programma, in questo momento storico. Dal canto suo, Stefanenko ha replicato: “Non voglio parlare di questo argomento. Nessun imbarazzo.” – ricordando che le riprese, in fin dei conti, siano avvenute diversi mesi fa, proseguendo – “Pechino insegna tanto a livello umanitario. Grazie a queste persone che aprivano il loro cuore e le loro porte, ci ha fatto cambiare tantissimo. Prima eravamo diversi. È un insegnamento bellissimo, una grande scuola.”

LEGGI ANCHE: I creatori di “Game of Thrones” svelano se parteciperanno a “House of the Dragon”

Lorenzo Cosimi

  • Cinema e tv

    Romano, dopo la laurea triennale in Dams presso l’Università degli Studi Roma Tre, si è poi specializzato in Media, comunicazione digitale e giornalismo alla Sapienza. Ha conseguito il titolo con lode, grazie a una tesi in Teorie del cinema e dell’audiovisivo sulle diverse modalità rappresentative di serial killer realmente esistiti. Appassionato di cinema, con una predilezione per l’horror nelle sue molteplici sfaccettature, è alla ricerca costante di film e serie tv da aggiungere all’interminabile lista dei “must”. Si dedica alla produzione seriale televisiva con incursioni sui social.