Anticipazioni TVDetto da loroPrimo PianoTV

Stranger Things, i Duffer Brothers: “La quarta stagione sarà il nostro ‘Game of Thrones'”

Si cambia tono con l'arrivo dei nuovi episodi della serie TV di Netflix, molto più drammatica, horror e sentimentale a detta del cast

Per i Duffer Brothers, la quarta stagione di Stranger Things sarà la loro versione di Game of Thrones. Questo perché il tono diventa più dark e la posta in gioco diventa sempre più alta.

Il cast di Stranger Things ha paragonato la quarta stagione al tono di Game of Thrones, acclamata serie fantasy tratta dai romanzi di George R.R. Martin giunta al termine con la contestatissima ottava stagione. In attesa di scoprire quali nuove avventure attendono i giovani protagonisti di Stranger Things, il cast promette che i nuovi episodi saranno più horror dei precedenti.

Stranger Things
Stranger Things

Pare che i fratelli Duffer abbiano deciso di dare una spinta definitiva a Stranger Things, considerando che la quarta è la penultima stagione, dopodiché il sipario si chiuderà con il quinto capitolo.

Stranger Things, la quarta stagione più come Game of Thrones

Una scelta arrivata quasi in modo naturale, a detta dei creatori dello show, soprattutto perché i protagonisti sono cresciuti e di quei bambini della prima stagione è rimasto ben poco. Ross Duffer ha raccontato: “Penso che il nostro obiettivo con lo show sia sempre stato quello di provare qualcosa di diverso ogni anno e assicurarci che la serie si evolvesse. E questo può avvenire in molti modi, anche perché i nostri ragazzi stanno crescendo. Non posso neppure chiamarli bambini, sono giovani adulti in piena regola“.

Stranger Things
Stranger Things

Basti pensare che Millie Bobby Brown, che interpreta Undici, quando è apparsa per la prima volta sui piccoli schermi di Netflix aveva 12 anni, mentre da poco ne ha compiuti 18. Così come Sadie Sink, la rossissima Max, che al suo debutto aveva 15 anni, mentre oggi ne ha 19. La stessa età di Finn Wolfhard, che interpreta Mike. Quest’ultimo ha paragonato l’esperienza di Stranger Things a quella vissuta dal cast di Harry Potter. “Man mano che quei film andavano avanti, diventavano più oscuri. Questo è il punto in cui siamo ora. Diventa più dark di stagione in stagione, anche più divertente, spaventoso e drammatico. E credo che arrivi di pari passo alla nostra crescita“.

David Harbour in Stranger Things

Anche Ross Duffer conferma che questa stagione sarà ancora più oscura delle precedenti e peggiorerà sempre più con l’avvicinarsi della conclusione. Anzi, i creatori dello show paragonano la 4 alla loro stagione di Game of Thrones e non solo perché la posta in gioco è sempre più alta. Come riporta EW, i personaggi sono sparpagliati in varie parti del mondo, per cui non si trovano tutti a Hawkins come invece è successo nei precedenti episodi. Per questo, come Game of Thrones, potrebbe persino avere una nuova sigla d’apertura con una mappa che traccia tutte le posizioni dei personaggi.

LEGGI ANCHE: Billie Eilish protagonista di un nuovo cortometraggio con “I Simpson”

Cristina Migliaccio

Moda, Lifestyle & Glamour

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista.
Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell'intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.