Detto da loroPrimo PianoVita da VIP

Sophie Turner rivela di aver lottato contro disturbi alimentari

Ha raggiunto la popolarità con "Game of Thrones" e ha avuto sin da subito difficoltà a metabolizzare la sua presenza sui social

Sophie Turner ha un rapporto odio-amore con i social network. Ad oggi ha disinstallato l’app di Instagram, prendendo le distanze da quei commenti negativi che l’hanno spinta verso la gestione di disturbi alimentari.

Esporsi alla fama sin dalla tenera età può avere forti conseguenze su corpo e mente. Sophie Turner è entrata nel cast di Game of Thrones che era poco più di una bambina e la notorietà le è esplosa tra le mani interpretando Sansa Stark. Il suo è stato uno dei personaggi più amati sin dalla saga letteraria di George R. R. Martin e la gloria raggiunta sul piccolo schermo le ha spalancato le porte sul mondo dello spettacolo.

Sophie Turner
Sophie Turner

L’attrice, del resto, non si è mai fermata. Nonostante il successo raggiunto con Game of Thrones, Sophie Turner ha recitato anche negli X-Men e di recente è tornata in TV con The Staircase. Riflettendo sul costo della fama raggiunto da ragazzina, l’attrice ha raccontato ad Elle di aver lottato contro i disturbi alimentari.

Sophie Turner e il rapporto odio-amore con i social

Non è stato facile gestire la notorietà, ancor di più per una ragazzina così piccola. Sophie Turner ha raccontato che la sua esposizione ha avuto un forte impatto sulla sua salute mentale e che ha dovuto lottare contro disturbi alimentari, una condizione alimentata anche dalla presenza sui social. L’attrice ha sostenuto fortemente l’importanza di una figura professionale, quale un terapista, in questo suo percorso e di come talvolta accusasse pressioni anche da parte dei social media. Non a caso, l’interprete di Sansa ha ammesso di essersi allontanata più volte da Instagram, definendolo un ambiente nocivo.

Sophie Turner
Sophie Turner. Crediti: Instagram

Riflettendo sul suo trascorso, Sophie Turner si è aperta ai microfoni di Elle UK: “Per molto tempo, ho affrontato un disturbo alimentare insieme ad un terapista, il cui compito era assicurarsi che non facessi nulla di malsano con le mie abitudini alimentari. Ho un rapporto odio-amore con i social. Avrei preferito non lasciarmi coinvolgere da tutto questo. Guardo i commenti su Instagram e se mi lasciassi coinvolgere fino a quel punto mi consumerebbero completamente“.

Sophie Turner
Sophie Turner

È stato importante, per Sophie Turner, avere una persona al suo fianco che l’aiutasse in questo lungo percorso. Nello specifico, ha raccontato di aver ricevuto forte supporto soprattutto per gestire i commenti negativi in arrivo dai social. “Una notte continuavo a sentire nella mia mente un commento che avevo letto su Instagram e continuavo a ripetermi: «Sono grassa, sono così indesiderabile» A quel punto lui mi ha risposto: «Sai, a nessuno importa davvero. So che tu lo pensi, ma nessun altro lo fa. Non sei così importante». E questa è stata la cosa migliore che qualcuno potesse dirmi“.

Sophie Turner
Sophie Turner e Joe Jonas. Crediti: Instagram

Ad oggi, Sophie Turner si appresta ad accogliere il suo secondo bambino in famiglia con Joe Jonas e ha un rapporto differente con i social, tanto che ha scelto di rimuovere l’app di Instagram dal suo smartphone. “Ho notato che i social media mi rendono incredibilmente ansiosa, per questo ho preso le distanze. Non averli a portata di mano sul mio telefono è stato utilissimo. Ora, se proprio devo, lo uso per pochi minuti una o due volte a settimana, invece che per ore tutto il giorno. Ha fatto una grande differenza nella mia vita“.

Cristina Migliaccio

Moda, Lifestyle & Glamour

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista.
Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell'intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.