Chicche di VelvetPrimo Piano

Come cambia la dieta con l’età? Ecco come e quante volte mangiare

I consigli per un'alimentazione perfetta in ogni momento

Quando si vogliono seguire delle diete ci si pone varie domande. Ma esiste una dieta adatta per ogni età? Il numero dei pasti giornalieri cambia quando si cresce? In molti, infatti, sembrano essere erroneamente convinti che più ci si avvicina all’età adulta e meno si dovrebbe mangiare. Alla base di questa convinzione, però, c’è una falsa credenza. 

Dall’adolescenza all’età adulta, per finire agli anziani, l’alimentazione è un fattore che di certo subisce dei cambiamenti.

Le regole per una corretta dieta rimangono sostanzialmente le stesse. Una corretta alimentazione dovrebbe prevedere cinque pasti al giorno: colazione, spunti, pranzo, merenda, cena. Non si dovrebbe tralasciare il consumo di frutta e verdura (almeno 5 porzioni al giorno) e quello di acqua. Le proteine sono importanti ad ogni età, con attenzione al consumo di formaggicarne e insaccati.

Le calorie di una dieta perfetta per ogni età

Va precisato da subito che non si deve mangiare meno col passare dell’età. Gli anziani, in altre parole, non devono mangiare in maniera diversa rispetto ai giovani, salvo specifiche controindicazioni legate alle patologie. I soggetti sani, però, devono sempre seguire le stesse regole, adattando all’età il numero di calorie. Con l’aumentare dell’età, infatti, si va incontro al rallentamento del metabolismo, con relativa diminuzione del fabbisogno calorico. Come riporta il sito della Fondazione Veronesi, secondo quello che è il fabbisogno energetico previsto dai LARN (Livelli di Assunzione Raccomandata dei Nutrienti), un bambino di età compresa tra i 7 e i 9 anni dovrebbe assumere 1.900-2.000 kcal al giorno. Il fabbisogno cresce tra le 2000 e le 2250 kcal dai 10 ai 12 anni e da 2.250 e 2.500 kcal oltre i 13 anni.

Uomini di età adulta, invece, dovrebbero assumerne dalle 1450 alle 3500, con attenzione al rapporto tra peso e altezza. La stessa regola vale anche per le donne, che dovrebbero assumere dalle 1250 alle 3000 in base alle stesse caratteristiche. Con l’avanzare dell’età il fabbisogno diminuisce ancora. Il regime calorico corretto prevede da 1900 a 2250 Kcal per l’uomo e da 1600 a 1900 Kcal per la donna, tra i 60 e i 74 anni. Per gli over-75, invece, per l’uomo si scende a una maglia compresa tra le 1700 e le 1950 Kcal per l’uomo e a 1500-1750 per la donne.

Le calorie vanno distribuite in maniera equilibrata nell’arco della giornata. Per questo motivo non bisogna mai saltare pasti. In generale bisognerebbe assumere il 25% del fabbisogno giornaliero con la prima colazione, o con il primo pasto e lo spuntino di metà mattina. Il 35-40%, invece, spetta al pranzo, che è da considerarsi come il pasto principale della giornata. Il pomeriggio a merenda è concesso il 10-15%, mentre il restante 25-30% va conservato per la cena.

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.