Primo PianoRoyal Gossip

“Quando l’ho vista per la prima volta…” Lady D, parla una fonte: il retroscena sulla Principessa triste

La principessa aveva un particolare sogno nel cassetto per il proprio ruolo

Con il suo matrimonio da favola con il principe Carlo nel 1981, Lady Diana è diventata una delle donne più famose del pianeta. Solo anni dopo anche il pubblico si sarebbe accorto che la Principessa del Popolo non era felicissima del proprio ruolo e del proprio matrimonio.

Secondo alcuni esperti, infatti, Lady D. era particolarmente sofferente nel rivestire i panni di principessa del Galles. Non amava affatto i suoi doveri e il severissimo protocollo reale e in diverse occasioni ha cercato di fare le cose a modo proprio.

Ansa

Anche il matrimonio con il principe Carlo alla fine ha deluso le sue aspettative. C’è chi dice che i due abbiano avuto un periodo felice e chi insiste sul fatto che non riuscirono mai a sviluppare un legame. Di certo, però, se Diana Spencer non avesse sposato l’erede al trono, non sarebbe mai diventata la principessa che tutti conoscono. Ma cosa avrebbe fatto della sua vita? Alcuni esperti provano a dare una risposta.

Lady Diana avrebbe inseguito il proprio sogno

Come riporta l’Hello Magazine se Lady Diana non avesse accettato la proposta di matrimonio del principe Carlo di certo avrebbe inseguito i propri sogni. Piuttosto che diventare una principessa, infatti, la giovane Diana aveva la mente rivolta verso un solo obiettivo: diventare una ballerina. Fin da piccolissima, infatti, aveva studiato danza classica e aveva sperato di diventare una professionista.

Ansa – Lady Diana e il principe Carlo

Quando ha incontrato Carlo ha messo da parte il sogno di lavorare nel settore, ma la passione è rimasta. Intorno agli Anni Ottanta, infatti, assunse una maestra di danza privata con cui poteva seguire le lezioni. Di recente la donna, Anne Allan ha parlato della passione della principessa Diana per il balletto. Parlando per il documentario Diana: In Her Own Words, ha dichiarato: “Quando l’ho incontrata per la prima volta si poteva vedere che c’era un’enorme timidezza. Ma col tempo, mentre seguivamo il nostro corso di danza, ci siamo resi conto di quanto la danza significasse per lei“.

Ansa – Un paio di scarpette di danza della principessa Diana alla mostra “Diana: A Celebration”, Budapest, 2009

Secondo la professionista, per Lady D. la danza era anche un modo per affrontare le difficoltà della vita di Corte e del suo matrimonio con Carlo. Ha aggiunto: “Aveva la danza nella sua anima. Mi sono resa conto del puro divertimento che le dava ballare. Amava la libertà di potersi muovere e danzare. Lo adorava. Potevo vedere che aiutava ad alleviare la sua vita emotiva. È stato difficile per lei a quel tempo”.

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.