Chicche di Velvet

Non c’è pace per Katia Ghirardi: la banca è presidiata dai Carabinieri

Ormai il ritornello cantato dal Katia Ghirardi nel video con più di 3 milioni di visualizzazioni è sulla bocca di tutti, ma lei che fine ha fatto? 

L’avventura, dolce amara, di Katia Ghirardi la direttrice di filiale di Banca Intesa San Paolo di Castiglione delle Stiviere ancora non si è conclusa. La ricordiamo tutti sicuramente per il video che sta girando in rete in questo momento, dove insieme ai suoi dipendenti promuove il lavoro nel suo ufficio e intona una canzoncina che abbiamo in testa: “Io ci sto. Ci metto la faccia, ci metto la testa, ci metto il mio cuore”. 

Lo sappiamo il web non perdona e dopo solo un giorno il video aveva più di 3 milioni di visualizzazioni e la rete si era sbizzarrita con commenti, parodie della canzone e quant’altro. Ma sono arrivati anche messaggi di solidarietà da parte di vip come: J-Ax che ha lanciato l’hashtag #iostoconKatia, o Selvaggia Lucarelli che ha denunciato la “gogna mediatica” che la Ghirardi sta subendo. Inoltre la filiale sembra presa d’assalto da curiosi che vogliono incontrarla, tanto che per sicurezza l’ufficio è presidiato dai carabinieri. Sempre per sicurezza alla direttrice è stato caldamente consigliato di non recarsi a lavoro, di rimanere irraggiungibile per un po’

Consiglio che invece non ha seguito il compagno della Ghirardi, infatti è stato ospite al programma radiofonico “La Zanzara” in onda su Radio24, dove ha confermato la tesi che aveva anticipato la banca stessa: il video era stato fatto per uso interno nell’ambito di un contest che ha coinvolto centinaia di filiali in tutta Italia, e quindi non doveva uscire e circolare al di fuori di quell’ambito. Quindi a preoccupare dovrebbe essere la sicurezza in sé, come possiamo ben vedere il web non perdona, e soprattutto non fa sconti quindi bisogna sempre essere attenti a ciò che si fa. 

Photo credits Facebook