Detto da loroPrimo Piano

Britney Spears ringrazia il movimento #FreeBritney

Ora che il giudice ha rimosso ufficialmente suo padre come tutore legale, la popstar ha voluto ringraziare pubblicamente i fan che l'hanno sempre sostenuta

Britney Spears ha voluto ringraziare pubblicamente il movimento #FreeBritney che l’ha sostenuta in tutti questi anni. Ora che suo padre è stato ufficialmente rimosso come tutore legale, la popstar ha voluto rivolgere ai suoi fan un sentito ringraziamento attraverso i social. Via Twitter, ha scritto: “Movimento FreeBritney, non ho parole. Grazie a voi e alla vostra resilienza nel liberarmi dalla tutela, la mia vita ora va in quella direzione! Ieri notte ho pianto due ore perché i miei fan sono i migliori del mondo e ne sono consapevole“.

Il movimento #FreeBritney ha avuto un forte impatto mediatico. La sua importanza è stata riconosciuta, oltre che dalla diretta interessata, anche dal nuovo documentario Britney vs Spears arrivato a fine settembre su Netflix.

Il movimento #FreeBritney

Sono trascorsi dodici anni da quando Britney Spears non ha potuto più decidere da sé per la sua vita. La conservatorship è entrata in vigore nel 2008. La popstar ha potuto sbarazzarsene soltanto una settimana fa, quando il giudice Brenda Penny della corte di Los Angeles ha rimosso Jamie Spears dall’incarico di tutore legale con effetto immediato. “Ritengo che la sospensione di Jamie Spears sia nei migliori interessi di Miss Spears. La situazione attuale è insostenibile“, ha decretato il giudice il 29 settembre. Brenda Penny ha poi fissato un’ulteriore udienza per il 12 novembre, con obiettivo quello di valutare l’eliminazione completa della conservatorship.

E il movimento #FreeBritney è diventato virale sui social proprio per aiutare la popstar a liberarsi dalla tutela legale, imposta dopo che Britney ha avuto un breakdown pubblico (e conseguente ricovero). Da allora sono trascorsi 12 anni, ma la tutela legale è persistita fino a qualche settimana fa. Il movimento social è nato per aiutare Britney ad essere più libera nelle proprie decisioni: senza l’appoggio del padre, infatti, la cantate non poteva svolgere azioni quotidiane (come guidare oppure gestire i propri social) né prendere decisioni importanti come sposarsi e avere figli.

LEGGI ANCHE: Miriam Leone si confessa sul bullismo: “Al liceo mi dicevano che ero Elio e le Storie Tese”

Cristina Migliaccio

Moda, Lifestyle & Glamour

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista.
Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell'intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.