Primo PianoShowTalent Show

MasterChef 11, l’incontro con i finalisti: “Averne di pressione così!”

Lia, Christian e Carmine hanno preso parte a un incontro, nel quale eravamo presenti anche noi di VelvetGossip

MasterChef Italia ha trovato la sua trionfatrice: Tracy Eboigbodin ha vinto l’undicesima edizione del cooking show prodotto da Endemol Shine Italy per Sky. La proclamazione è avvenuta poco fa, dalla voce di Giorgio Locatelli, uno dei giudici del programma insieme a Bruno Barbieri e Antonino Cannavacciuolo.

Sul podio, protagonisti con lei della finalissima di MasterChef 11, Carmine Gorrasi e Christian Passeri. Quarta classificata Lia Valetti, eliminata al termine del primo episodio della serata in cui sono stati ospiti due chef tristellati: Enrico Crippa (dal ristorante “Piazza Duomo” di Alba, in provincia di Cuneo) e Andreas Caminada (dal ristorante “Schloss Schauenstein”, in Svizzera). Al termine di una stagione che ha potuto viaggiare davvero in tutto il mondo grazie a una Masterclass cosmopolita ed eterogenea, ma anche grazie a grandi chef e ospiti pronti a raccontare le internazionali influenze nella propria cucina, i giudici hanno premiato la cameriera di sala 28enne e il mix tra la tradizione nigeriana delle sue origini e il suo presente in Veneto, a Vallese di Oppeano (Verona).

Con la vittoria, Tracy si aggiudica 100.000 euro in gettoni d’oro, la possibilità di pubblicare il proprio primo libro di ricette dal titolo Soul Kitchen – Le mie ricette per nutrire l’anima (edito da Baldini&Castoldi in uscita il 15 marzo). L’undicesima MasterChef italiana avrà inoltre accesso ad un prestigioso corso di alta formazione presso ALMALa Scuola Internazionale di Cucina Italiana. Ricordiamo inoltre che MasterChef Italia è il cooking show di Sky prodotto da Endemol Shine Italy, sempre disponibile on demand.

MasterChef 11, incontro con i finalisti

Nel corso dell’ultima decisiva e attesissima prova di ieri, i finalisti hanno potuto presentare il proprio menù ideato, sviluppato e realizzato in completa autonomia. Il risultato sono stati tre menù estremamente personali, in grado di raccontare le vite e le storie dei tre ragazzi. Ma anche tutta la loro crescita vissuta grazie a MasterChef Italia, dall’arrivo timido ma promettente ai Live Cooking fino alla grintosa, emozionante e spettacolare finalissima. Il giorno successivo alla messa in onda della finalissima, si è dunque tenuto l’incontro con i tre finalisti del più noto cooking show del piccolo schermo. A prendere parte sono stati Carmine, Christian e Lia, quest’eliminata al primo episodio della serata a un soffio dalla presentazione del suo menù. I tre ex concorrenti di MasterChef 11 si sono prestati a rispondere ad alcune domande dei giornalisti, tra i quali eravamo presenti anche noi di VelvetGossip.

Lia e Tracy finaliste a "MasterChef Italia"
Photo Credits: Sky

L’incontro con Lia, Carmine e Christian

Hanno avuto da poco modo di rivedersi dopo aver assistito alla finalissima, che ha visto trionfare Tracy Eboigbodin. E ora, i tre ex aspiranti MasterChef hanno risposto ad alcune domande, dopo il loro percorso all’interno del cooking show. Dopo aver mantenuto il segreto per diverso tempo, aspettando la messa in onda dell’ultima puntata, i tre hanno avuto infatti molto da raccontare. A chi ha domandato loro se, dopo aver provato la pressione di lavorare in un ristorante stellato, sia qualcosa che vedono nel loro futuro, ciascuno dei tre non ha mostrato dubbi. “Non penso che ci sia una professione in cui non si sia sotto pressione. […] Ma quando c’è una pressione positiva, la fatica del lavoro è più sopportabile. […] Averne di pressione così, non vedo l’ora!” . ha risposto Lia.

Carmine e Christian finalisti a MasterChef Italia
Photo Credits: Sky

Ha risposto poi Christian, il quale ha confessato: “La pressione era tanta, questo è indubbio e normale. […] Ma quando riesci a migliorare te stesso, a fronte di queste fatiche, il risultato è positivo. Quindi assolutamente sì!” Allo stesso modo, Carmine: “È veramente un mondo a sé… Scegliere di fare della cucina la propria vita implica molto sacrificio e impegno. E io sono disposto a farlo, per la mia passione!” – il 19enne è pero parso più dubbioso degli altri due, confessando – “Non so se lo fare per tutta la vita.” I tre volti usciti da MasterChef hanno tuttavia ammesso di non aver ricevuto per ora nessuna proposta lavorativa in ristoranti. Ma la cucina sembra comunque, per gli ex concorrenti, il loro futuro.

L’impatto del pubblico

In merito ai commenti che più li hanno colpiti, in negativo o in positivo, Lia ha ammesso di essere rimasta piacevolmente sorpresa da chi le ha scritto di essersi ricreduto, nell’assistere il suo percorso. Christian ha invece deciso di ignorare i commenti negativi, concentrandosi sul feedback positivo ricevuto soprattutto da parte di persone con figli con disturbo dello spettro autistico, proprio come il concorrente di MasterChef, confessando: “Mi scrivono e mi ringraziano, perché effettivamente do una ‘speranza’!” Carmine ha invece ringraziato per il sostegno del pubblico, che sente di aver ottenuto grazie e che lui ha definito “inspiegabile“. Per quanto riguarda i commenti negativi, si è detto fortunato per non averne ottenuti molti, sebbene ci sia chi lo abbia definito raccomandato: “Non sta a te cercare di cambiare la loro opinione e non devi sentirti in colpa!”, ha infine ammesso il giovane.

Cosa cambierebbero del loro percorso?

Agli aspiranti chef noi di VelvetGossip abbiamo dunque domandato: “Nel rivedervi c’è un momento in particolare che cambiereste del vostro percorso?” A rispondere per prima è stata Lia: “È palese la risposta, cambierei il momenti in cui sono uscita– – proseguendo – Tanti hanno detto che non c’è l’ho fatta perché non ho avuto gli occhi della tigre, non l’ho voluto abbastanza. Secondo me non è stata proprio questa la motivazione, però forse farei trasparire di più la mia volontà di arrivare in finale.

Giorgio Locatelli, Antonino Cannavacciuolo e Bruno Barbieri
Courtesy Press Office

Christian, dal canto suo, parla di due momenti in particolare a MasterChef: “Col senno di poi i momenti sono due: il primo è la cottura dell’agnello in finale. Purtroppo l’avevo provata tante volte e lì mi sono distratto, sono stato troppo sicuro di me. La seconda sarebbe di evitare quella figuraccia della tartare di manzo, nello skill test sulla carne. Mi sarei andato a guardare la ricetta perché a quanto pare esiste una ricetta. (ride)” Di diverso avviso è stato invece Carmine, il quale ha affermato: “Io in realtà non cambierei niente del percorso. Credo che ogni prova, che sia andata bene o male, mi abbia fatto agire diversamente nella prova successiva. Io sono contento e soddisfatto del mio percorso dall’inizio alla fine. Sono arrivato a un punto che non avrei mai potuto immaginare. Non potrei essere più felice di così. Ho avuto tanti momenti di difficoltà, perché sentivo la stanchezza, mancava quella serenità e quel gioco che erano più presenti prima, ma è stato un percorso ed è giusto che sia andato così. Ci sono delle fasi e vanno rispettate: io quindi non cambierei nessun momento.”

LEGGI ANCHE: Vostro Onore, anticipazioni seconda puntata: Vittorio ha un piano

Lorenzo Cosimi

  • Cinema e tv

    Romano, dopo la laurea triennale in Dams presso l’Università degli Studi Roma Tre, si è poi specializzato in Media, comunicazione digitale e giornalismo alla Sapienza. Ha conseguito il titolo con lode, grazie a una tesi in Teorie del cinema e dell’audiovisivo sulle diverse modalità rappresentative di serial killer realmente esistiti. Appassionato di cinema, con una predilezione per l’horror nelle sue molteplici sfaccettature, è alla ricerca costante di film e serie tv da aggiungere all’interminabile lista dei “must”. Si dedica alla produzione seriale televisiva con incursioni sui social.