Cose da VipIndiscrezioni & SocialPrimo Piano

Chiara Ferragni, Leone vede Vittoria: la tenera videochiamata commuove i fan

I Ferragnez si sono commossi

È arrivata con qualche giorno di ritardo, ma finalmente Chiara Ferragni e Fedez hanno accolto la piccola Vittoria. Lo spoiler sul nome circolava già da qualche tempo, perché i due genitori avevano disseminato indizi sull’iniziale del nome. Ad esempio, sul lungomare di Sanremo Fedez, in occasione del Festival, si era scattato una foto mentre faceva il segno della vittoria con le dita. “È la nostra vittoria” ha commentato la coppia qualche ora dopo la nascita. Chiara Ferragni è ancora in ospedale, ma ha fatto sapere ai suoi follower che lei e la piccola stanno bene e che il parto si è svolto senza complicazioni. Poi la neomamma ha postato un tenero video di Fedez che si commuove cullando la bambina. A rendere tutto ancora più tenero ci ha pensato Leone, il primogenito dei Ferragnez. Il bambino, tre anni, si trova dai nonni e ancora non ha potuto incontrare di persona la sorellina. Ma ha fatto una tenerissima videochiamata con i genitori.

Leone emoziona Chiara Ferragni e Fedez: il saluto a Vittoria è tenerissimo

“Ciao Vittoria, non vediamo l’ora di vederti” ha detto Leone in videochiamata, incalzato dai nonni. Chiara Ferragni si è commossa e fra le lacrime ha risposto: “Ma quanto sei bello amore, ti amiamo troppo noi“. Già il giorno prima il bambino aveva mandato un tenero messaggio alla sorellina Vittoria: “Ciao mamma e papà, ciao sorellina. Ti aspetto con amore”. Ancora non si sa quando Chiara Ferragni lascerà l’ospedale per tornare a casa. Intanto sui social lei e Fedez hanno ricevuto tantissimi messaggi di auguri dai fan. Su Instagram, Facebook e Twitter la piccola Vittoria è già una star. E la coppia ha ringraziato i follower che hanno dedicato loro così tanto affetto: “Ciao amici, volevamo mandarvi un saluto e ringraziarvi per i messaggi, siete stati super carini. Un abbraccio” ha detto Fedez in una storia su Instagram.

LEGGI ANCHE: Dayane Mello al vetriolo su Francesco Oppini: “Deve lasciarmi stare”