Anticipazioni TVDetto da loroPrimo Piano

Edoardo Pesce è Christian: “Spero di essere riuscito ad arricchirlo un po’ e a dargli una tridimensionalità”

Debutterà il 28 gennaio su Sky Atlantic, disponibile on demand su Sky e in streaming su NOW la dramedy a tinte pulp del supereroe scagnozzo di un boss della periferia di Roma

Nella veste di un supereroe ‘all’amatriciana’, Edoardo Pesce interpreta Christian. Lo scagnozzo di un boss della periferia romana che si guadagna da vivere facendo l’unica cosa che sa fare: menare. Tutto questo fino a quando non gli compariranno alle mani quelle che sembrano a tutti gli effetti delle stimmate, le ferite dei santi, con le quali inizierà a fare miracoli. Sulle tracce di Christian e del suo mistero si metterà presto Matteo. Scettico emissario del Vaticano ossessionato dal trovare qualcuno i cui poteri taumaturgici siano veri. Il personaggio è interpretato dal vincitore del David di Donatello Claudio Santamaria.

Christian Claudio Santamaria
Photo Credits: Matteo Graia

La serie Christian liberamente ispirata a Stigmate, la graphic novel di Claudio Piersanti e Lorenzo Martotti è stata selezionata in concorso al CanneSeries 2021 dove ha conquistato il Prix de la Meilleure Musique (Best Music), consegnato al compositore della colonna sonora della serie Giorgio Giampà.

Christian: il cast

Accanto a Edoardo Pesce e a Claudio Santamaria nel cast abbiamo Silvia D’Amico che è Rachele. Giordano De Plano nelle vesti di Lino, il boss locale, quasi un fratello per Christian essendo i due stati tirati su dalla stessa donna, Italia. E poi ancora, Antonio Bannò nei panni del figlio di Lino, Davide, erede dell’impero del padre e miglior amico di Christian. L’attore Francesco Colella che interpreta Tomei, il veterinario del quartiere che arrotonda curando e cucendo quanti ne hanno bisogno e non possono andare in ospedale. Gabriel Montesi, che interpreta un amico della compagnia di Christian e Davide, Penna, un piccolo malvivente che lavora per Lino. Lina Sastri nei panni di Italia, la madre di Christian e Ivan Franek e Giulio Beranek, in quelli rispettivamente di Padre Klaus e del Biondo.

Christian Silvia D'Amico
Photo Credits: Matteo Graia

In Christian c’è la periferia, ci sono i soprusi, il soprannaturale, l’ironia e una vena romantica. Ma anche molto altro nella serie prodotta da Sky e Lucky Red in partecipazione con Newen Connect. Commissionata da Sky Studios per l’Italia, Christian è una serie a tinte pulp. Fra crime e soprannaturale oggi, 25 gennaio, è stata presentata in conferenza stampa. All’incontro in streaming con i giornalisti di diverse testate hanno preso parte Sonia Rovai, Director Scripted Production Sky Italia, il Fondatore e presidente di Lucky Red Andrea Occhipinti. I registi Stefano Lodovichi Roberto Saku Cinardi, lo sceneggiatore Valerio Cilio e il cast: Edoardo Pesce, Silvia D’Amico, Giordano De Plano, Antonio Bannò, Francesco Colella, Milena Mancini, Gabriel Montesi, Lina Sastri e Claudio Santamaria.

Edoardo Pesce in conferenza stampa per Christian

Edoardo Pesce che ha indossato i panni di Christian e prestato anche alcune caratteristiche del personaggio, come per esempio l’ironia dell’attore, ad un supereroe di periferia. Il profilo del personaggio sdogana un po’ quello che comunemente viene identificato come essere perfetto. E forse, la bellezza in Christian sta proprio in questo: rendere piacevole l’imperfetto. E, ad Edoardo Pesce che noi di VelvetMag – presenti in streaming – ci siamo rivolti per chiedergli che sensazione ha avuto quando, per la prima volta protagonista di una serie, ha letto un copione per interpretare un ruolo centrale e di spessore come lo è Christian.

Christian Edoardo Pesce Antonio Bannò
Photo Credits: Matteo Graia

“Io sono rimasto molto contento, perché loro hanno rischiato prendendo Pesce. Senti Christian che fa parte di una cosa bella, come poteva essere con Garrone in Dogman o Romanzo Criminale all’inizio. Questo perché ti fanno crescere. Mi ha fatto piacere che Occhipinti, Stefano abbiano scelto me per Christian. Probabile che vedano delle cose che io non vedo, quindi spero di essere riuscito a portare avanti il personaggio in quel modo, ad arricchirlo un po’ e a dargli una tridimensionalità. Ogni personaggio – aggiunge Pesce – è corale. Ciascuno ha una propria profondità, un passato una propria umanità. Quindi – conclude l’attore – lo spettatore per forza si affeziona, perché è scritta bene ed è girata meglio.

LEGGI ANCHE: I Maneskin costretti a rinviare il tour di nuovo: “Siamo mortificati”

Teresa Comberiati

Spettacolo, Tv & Cronaca Rosa

Calabrese, a vent’anni si trasferisce a Roma dove attualmente vive. Amante della fotografia quanto della scrittura, negli anni ha lavorato nel campo della comunicazione collaborando con diverse testate locali in qualità di fotografa e articolista durante la 71ª e 75ª Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica. Ha già scritto il suo primo romanzo intitolato Il muscolo dell’anima. Colonna portante del blog di VelvetMAG dedicato alla cronaca rosa e alle celebrities www.velvetgossip.it, di cui redige ogni mese la Rassegna Gossip.