Compleanni VIPCose da VipPrimo Piano

Antonino Cannavacciuolo: “sono nato in una famiglia in cui il cibo è sempre venuto al primo posto”

Il famoso chef napoletano conquista lo schermo diventando la star dei programmi culinari

Antonino Cannavacciuolo, rinomato chef stellato e giudice di MasterChef Italia dal 2015, oggi spegne 47 candeline. Terminata da poco la messa in onda dell’undicesima edizione del talent show culinario dal 10 aprile è tornato sul piccolo schermo alle redini del programma Cucine da Incubo con un nuovo ciclo di episodi.

Lo chef nasce a Vico Equense, in provincia di Napoli, il 16 aprile 1975. Da sempre appassionato di cucina dichiara:sono nato in una famiglia in cui il cibo è sempre venuto al primo posto. Mio padre insegnava cucina e faceva lo chef, mia madre si è dedicata ai figli e alla casa. La prima ricetta di cui ho memoria è il ragù. Segue, infatti, le orme del padre Andrea e decide di intraprendere gli studi presso la scuola alberghiera I.S.I.S. F. De Gennaro dove nel 1994 ottiene l’Attestato di Cucina.

Antonino Cannavacciuolo
Sky

Dalle prime esperienze in cucina alle stelle Michelin

Le prime esperienze lavorative di Cannavacciuolo nella penisola sorrentina sono seguite da un periodo di stage in due ristoranti francesi nella regione dell’Alsazia. Successivamente fa ritorno in Campania per lavorare all’Hotel Qusisana di Capri nello stesso lasso di tempo in cui Gualtiero Marchesi lo seguiva da consulente. Nel 1999 arriva la gestione di Villa Crespi, sul lago d’Orta, dimora storica che inizia a dirigere con sua moglie Cinzia Primatesta e dove ricopre il ruolo di chef patron. Da questo momento la carriera dello chef napoletano prende il via e conquista nel 2003 e nel 2006 le sue prime due stelle Michelin. Nel 2015 apre un ristorante a Novara, il Cannavacciuolo Café & Bistrot, in cui organizza per la prima volta dei corsi di formazione legati al tema dell’imprenditorialità nella ristorazione. Due anni dopo inaugura l’apertura di un nuovo locale nella città di Torino, Bistrot Cannavacciuolo.

L’esordio in tv con Cucine da Incubo e la fama ottenuta con MasterChef Italia

L’esordio in tv dello chef avviene nel 2013 con la conduzione della versione italiana di Cucine da Incubo, un programma di genere culinario in cui Antonino Cannavacciuolo è impegnato ad aiutare ristoranti in crisi e a rischio chiusura. La vera popolarità, però, arriva solo più tardi quando prende parte alla giuria della quinta edizione di MasterChef Italia accanto a Bruno Barbieri, Carlo Cracco e Joe Bastianich. Nel 2017 presenta un nuovo programma O’ Mare Mio, nata dall’idea dello stesso Cannavacciuolo, che va in onda su Canale 9 e a cui poi seguiranno altre due stagioni. Nel 2017, stesso anno di apertura del bistort situato nel quartiere torinese Borgo Po, su Nove va in onda Ci pensa Antonino dove lo chef parla della sua idea di ristorazione e rivela alcuni aneddoti interessanti sulle prime esperienze in cucina.

Cucine da incubo
Sky

Alcune curiosità sullo chef Antonino Cannavacciuolo

Lo sapevate che

  • E’ stato uno degli chef al matrimonio di Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi per cui ha ideato riso Carnaroli all’olio con vongole, timo e limone.
  • Ha pubblicato diversi libri di ricette in cui illustra le sue creazioni culinarie nate tutte grazie a ricordi d’infanzia e della sua terra natale con un pizzico di sapori piemontesi.
  • Tra gli ingredienti prescelti della cucina di Cannavacciuolo c’è innanzitutto il limone, sapore tipico della tradizione campana, il pomodoro sapore proprio della storia italiana, la carne, l’olio, il sale, la pasta e il pesce.
  • È considerato tra i 100 top chef d’Europa.

Cinzia Primatesta: moglie e socia in affari

È sposato dal 2005 con la manager Cinzia Primatesta con cui è fidanzato dal 1997. I due si sono conosciuti nel 1995 durante uno stage dello chef in uno dei ristoranti dei genitori di lei L’Approdo. La coppia ha due figli: Elisa nata nel 2007 e Andrea nato nel 2013. Una particolarità divertente è che la moglie è vegetariana e non gli permette di cucinare in casa. In un’intervista rilasciata a Vanity Fair appunto svela: “a casa non cucino anche perché mia moglie è vegetariana mangia solo tofu, insalate, bietole e, una volta ogni tanto, pesce. Andrea è lo specchio della mamma: mangia solo insalate, verdure, pasta coi piselli, fagioli, ha deciso tutto lui”. Non solo compagna di vita, ma anche socia in affari. Infatti, nel 1999 aprono Villa Crespi, insieme entrambi molto giovani 24 anni lui, 23 anni lei.

Amato dal pubblico non solo per la sua grande abilità dietro ai fornelli, ma soprattutto per il suo modo di fare genuino, da vero napoletano DOC, e la sua ironia contagiosa. Oggi lo chef Antonino Cannavacciuolo copie 47 anni e noi della redazione Velvet gli facciamo i migliori auguri!

LEGGI ANCHE: Antonino Cannavacciuolo a Montefiascone con “Cucine da incubo”

Arianna Varvesi

Tv e Cronaca rosa

Romana, studentessa di Giurisprudenza presso l’Università degli Studi Roma Tre. Appassionata di psicologia criminale per cui ha seguito diversi seminari dedicati alle tecniche di riconoscimento della menzogna. Ha approfondito le tematiche del diritto internazionale tanto da prendere parte ad una simulazione ONU organizzata secondo il Model United Nation.
Si occupa di serie tv sul blog di VelvetMAG dedicato ai VIP www.velvetgossip.it. In particolare reality e talent show senza distogliere lo sguardo dalla cronaca rosa.